Riviste

Le riviste dirette dai membri del dipartimento.

Archeologia

Groma

Rivista fondata nel 2007, diretta da Enrico Giorgi.

Quaderni monografici del Laboratorio di Topografia del Dipartimento, in formato a stampa e online, dedicata alle metodologie della ricerca archeologica e all'archeologia dell’area adriatica.

IpoTESI di Preistoria

Rivista di contributi e studi di Preistoria e Protostoria.

La rivista intende divulgare al mondo scientifico i risultati di recenti ricerche e studi di preistoria e protostoria italiana, in modo da far emergere il patrimonio di conoscenze sui contesti e sulle problematiche delle fasi più remote della storia. La pubblicazione in formato digitale permette di rendere noti quei contributi che rimangono spesso in attesa di trovare adeguati spazi editoriali, proprio per le caratteristiche di ricchezza e abbondanza di dati e di documentazione. La rivista punta inoltre a diventare uno spazio di confronto e di dibattito sulle analisi e interpretazioni dei contesti preistorici, sui metodi di ricerca e sulle trasformazioni economiche e sociali della preistoria.

Direttore responsabile: Maurizio Cattani

Ocnus | Quaderni della Scuola di Specializzazione in Beni Archeologici

Rivista fondata nel 1993, diretta da Elisabetta Govi.

Accoglie, sulla base di rigorosi referaggi esterni, lavori dei docenti dell’omonima Scuola di Specializzazione di Bologna, lezioni e conferenze tenute da studiosi ospiti, ricerche degli allievi e contributi di specialisti di livello internazionale. Tenuto conto dell’ampio spettro di discipline della Scuola - dalla Preistoria all’Archeologia Orientale, dall’Archeologia Classica all’Archeologia tardo-antica e medievale, dall’Archeometria alla Bioarcheologia, dal Restauro all’Archeologia pubblica – «Ocnus» intende proporsi anche come sede aperta a contributi e studi di forte impronta antropologica e interdisciplinare.

A partire dal n. 12 (2004) la rivista è edita da Ante Quem.

Scienze del Moderno, Storia, Istituzioni, Pensiero politico

Annali di Storia delle Università Italiane

Rivista fondata nel 1998, diretta da Gian Paolo Brizzi.

Pubblicazione periodica a cadenza annuale che si propone come punto di incontro, di discussione e di informazione per quanti, pur nella diversità degli approcci storiografici e nella molteplicità dei settori disciplinari di appartenenza, si occupano di temi relativi alla storia delle università italiane. La rivista ha l’obiettivo di far uscire la storiografia dall’ambito localistico, favorendo lo studio degli elementi comuni e la peculiarità delle diverse realtà accademiche per evidenziare le radici del tutto particolari del sistema universitario nazionale creato dopo l’Unità.

Bibliomanie 

Rivista fondata nel 2004, diretta da Mirco Dondi.  

“Bibliomanie” è una rivista scientifica open access riconosciuta dall’Anvur, per le classi 11 e 12, con una redazione e un profilo internazionale. 

La rivista esce a cadenza semestrale - a giugno e a dicembre - e si propone, in linea con l’orientamento pluridisciplinare del Master di Comunicazione storica che ne cura l’edizione, di porsi come punto di incontro e di confronto tra la storia, la letteratura e la semiotica nel tentativo di inquadrare eventi e fenomeni alla luce di differenti approcci. La rivista si compone di più sezioni: “Saggi e studi” che raccoglie contributi con doppio referaggio anonimo; “Note e riflessioni” che si focalizza attorno ai dibattiti scientifici che attraversano le discipline, con spazio per interviste e testimonianze; “Traduzioni inediti e rari” rubrica con un taglio filologico tesa a far conoscere testi non noti, “Didactica”, sugli orientamenti degli insegnamenti umanistici, “Letture e recensioni”; “Filmati”, frammenti audiovisivi autoprodotti di documentazione storica e del presente. 

- Sito web:  www.bibliomanie.it 

- Contatti: redazione@bibliomanie.it


Filosofia Politica

Rivista fondata nel 1987, diretta da Carlo Galli.

Si propone di praticare una storia filosofica dei concetti politici nella convinzione che i temi centrali del dibattito contemporaneo sulla filosofia pratica e politica possano essere compresi solo indagandone tutto lo spessore storico e teorico.
L’indagine storico-concettuale, a cui è dedicata la sezione monografica dei «Materiali per un lessico politico europeo»,pubblicata in due dei tre numeri quadrimestrali, analizza le categorie intorno alle quali si è costruito e si costruisce, non senza scarti e cesure, il pensiero politico occidentale, dalla classicità alla tarda modernità al nostro presente globalizzato.
La rivista, inoltre, propone in tutti i numeri una sezione di ricerca, «Saggi», e dà spazio a «Note e discussioni» di puntualizzazione e intervento militante. L’ultima parte della rivista fornisce agli studiosi un ampio «Materiale bibliografico», che comprende, oltre a recensioni e schede, un vasto spoglio di riviste italiane e straniere.

GIVING - The Thematic Issue in Philanthropy and Social Innovation

Rivista fondata nel 2007, diretta da Giuliana Gemelli.

La rivista è nata nell’ambito del MISP e si propone di raccogliere e divulgare le tesi più rilevanti in tema di filantropia e di innovazione sociale, contribuendo infine a realizzare un common ground scientifico per la discussione delle opinioni dei più autorevoli esperti del settore, rispetto alle diverse tematiche trattate.
Una agorà, cui non prenderanno parte esclusivamente i rappresentanti delle più prestigiose istituzioni scientifiche internazionali, ma si farà contenitore dei pareri dei professionisti del settore e di tutti coloro che si rapportano direttamente con le questioni di volta in volta trattate.
Uno spazio riflessivo aperto al dibattito, utile all’evoluzione della filantropia, intesa come insieme di strutture organizzative e reti di competenze professionali al servizio della crescita della collettività, delle comunità e degli individui nonché vettore di imprenditorialità civica e sociale che si serve di strumenti finanziari, metodologie organizzative, tecniche di gestione e di governance per la realizzazione di progetti d’innovazione sociale.

Storia e Futuro

Rivista fondata nel 2002, diretta da Angelo Varni.

Rivista quadrimestrale completamente open access di storia contemporanea diretta da Angelo Varni (Università di Bologna) e Maurizio Degl’Innocenti (Università di Siena).
Pensata come strumento di sperimentazione per coniugare la metodologia tradizionale della ricerca storica con le specifiche opportunità offerte dal web, dal primo numero (aprile 2002) ad oggi si è avvalsa del principio del network come variabile distintiva anche sul piano delle competenze, degli apporti disciplinari e delle collaborazioni.
Accanto agli articoli più strutturati, alcune rubriche lasciano spazio ad approfondimenti – inerenti la storiografia, la ricerca, la didattica, le fonti, gli eventi e le iniziative, la bibliografia – che costituiscono le coordinate di quel dialogo "di rete" per il quale la rivista è stata elaborata e proposta e sono un veicolo di scambio particolarmente gradito ai lettori.

Storicamente: laboratorio di storia

Rivista fondata nel 2005, diretta da Marica Tolomelli. Co-direttore: Tiziana Lazzari.

Nasce nel 2005 come un laboratorio creato dai giovani del Dipartimento di Discipline Storiche, Antropologiche e Geografiche.
La redazione si è presto allargata a dottorandi, assegnisti e ricercatori di ambiti disciplinari affini, come la storia antica, la medievistica e la storia del cinema.
La prospettiva multidisciplinare e l’apertura ad un pubblico non solamente accademico sono le caratteristiche di una rivista totalmente Open Access che conta ormai oltre 15.000 visitatori mensili e più di 30.000 visualizzazioni.
Ogni anno StoricaMente discute e approfondisce un tema monografico nel "Dossier", che viene affiancato da altre sei rubriche: Studi e ricerche, Fonti e Documenti, Comunicare storia, Biblioteca e Dibattiti.

Storia Antica

Epigraphica - Periodico internazionale di epigrafia

Rivista fondata nel 1939, diretta da Maria Bollini. Direttore responsabile: Angela Donati e Attilio Mastino.

Nell’occasione del I Congresso Internazionale di Epigrafia, tenuto ad Amsterdam nel 1939, Aristide Calderini, professore nell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, diede vita ad un periodico destinato a “pubblicare testi epigrafici nuovi o già noti… accogliere studi sulla tecnica, la lingua, la storia dell’epigrafia”: nasceva così la rivista “Epigraphica”, affidata alla Casa Editrice Ceschina di Milano, diretta da Calderini fino alla morte.

Nel 1972, per iniziativa di Giancarlo Susini, professore nell’Università di Bologna, la rivista ha mutato sede e la sua pubblicazione è stata assunta dall’Editrice Fratelli Lega, che ancora oggi continuano in questo compito. Giancarlo Susini ne è stato Direttore Responsabile fino all’anno 2000, affiancato nella Direzione da Maria Bollini e da Angela Donati che da quell’anno appare come Direttore Responsabile.

Dal volume LXXII (2010) la Direzione è costituita da Maria Bollini, professore emerito dell’Università di Ferrara, Angela Donati (Responsabile), professore nell’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna, Attilio Mastino, professore nell’Università di Sassari.

Per volontà espressa di Angela Donati a partire dal numero LXXXI (2019) la direzione di Epigraphica passa ad Attilio Mastino, professore ordinario di Storia Romana e di Epigrafia Latina nel Dipartimento di storia scienze dell’uomo e della formazione dell’Università di Sassari.

Rivista storica dell'antichità

Rivista fondata nel 1971, diretta da Giovanni Brizzi e Gabriella Poma.

Comitato scientifico: José Maria Blasquez, François Chausson, Jonathan Charles Edmonson, Oliver Picard, Marieta Šašel Kos.
Peer-review
I contributi inviati alla rivista sono valutati ai fini della pubblicazione, con procedura di peer review, da un componente del Comitato scientifico e da un revisore esterno, nella forma del doppio anonimato. L'ultimo volume pubblicato è il 43 (2013).

Rivista di studi militari. Dall'evo antico all'età contemporanea

Rivista fondata nel 2012, diretta da Giovanni Brizzi e Gabriella Poma.

Comitato scientifico: Walter Barberis (Torino), Mario Gallina (Torino), Virgilio Ilari (Roma), Nicola Labanca (Siena), Yann le Bohec (Paris), Luigi Lotti (Firenze), John Rich (Notthingam), Giorgio Rochat (Torino) - Hew Strachan (Oxford).

Peer-review
I contributi inviati alla rivista sono valutati ai fini della pubblicazione, con procedura di peer review, da un componente del Comitato scientifico e da un revisore esterno, nella forma del doppio anonimato.

Sono stati pubblicati i numeri 1 (2012), 2 (2013), 3 (2014) e 4 (2015).

Studi antropologici, orientali, storico - religiosi

Annali di Storia dell'Esegesi

Rivista fondata nel 1984.

Rivista inizialmente a cadenza annuale, dedicata prevalentemente alla storia del cristianesimo e alla storia dell’interpretazione cristiana ed ebraica della Bibbia – è divenuta col tempo un punto di riferimento imprescindibile per lo studio generale dei fenomeni religiosi, grazie alla sua prospettiva interdisciplinare e al suo pieno coinvolgimento nell’attuale dibattito scientifico.

Gli articoli pubblicati sono attenti a diversi ambiti culturali, dall’esegesi alla storia delle dottrine, dall’antropologia culturale alla letteratura, dalla storia dell’arte all’archeologia.

I fascicoli semestrali sono solitamente pubblicati come numeri monografici. Caratterizzata da una forte collaborazione internazionale, Annali di Storia dell’Esegesi è una delle quattro riviste del settore di "Religious Studies and Theology" inserite nella categoria A dallo "European Reference Index for the Humanities".